Condividi su:

Micidiale la partenza dei calabresi

Due squadre con obiettivi diversi dichiarati. La prova del 9 ha detto che il Catanzaro è pronto al salto di categoria mentre il Taranto deve capire dove e come andare. Per i calabresi era fondamentale dare continuità al cammino iniziato domenica scorsa, ma era soprattutto importante avere segnali di crescita del collettivo. Il responso è andato oltre le aspettative perché a Taranto il Catanzaro ha mostrato di essere squadra quadrata. Erano 362 i tifosi al seguito dei giallorossi.
Cronaca. Ci mette circa venti minuti il Catanzaro a regolare la pratica. Prima Sounas (all’11′) partendo da destra semina il panico in area avversaria superando quattro avversari e battendo con un preciso sinistro Russo, poi è Biasci (17′) che da posizione decentrata sulla sinistra fa partire un gran destro dal limite che non lascia scampo al giovane portiere tarantino. L’uno due viene accusato dai padroni di casa che faticano a reagire. Sul finale di tempo ci pensa il Taranto a regalare la palla che consentirà a Biasci di siglare al sua personale doppietta ed alle Aquile di rendere il risultato più rotondo chiudendo di fatto i giochi per i tre punti in palio.
La partita finisce qui.
Il secondo tempo vede ancora le Aquile controllare il gioco e il Taranto contenere il risultato.
Il tabellino

TARANTO-CATANZARO 0-3: IL TABELLINO

Campionato Nazionale Serie C Lega Pro 2022/23 – 2^ giornata

Taranto, Stadio Erasmo Iacovone

Domenica 11 settembre 2022, ore 17:30

TARANTO-CATANZARO 0-3

TARANTO (4-4-2): Russo; Manetta (35’st. Evangelisti), Antonini, Granata, De Maria (1’st. Ferrara); Labriola (41’st. Brandi), Mazza (1’st. D’Egidio), Guida; Tommasini, Infantino (1’st. Sakoa). All. Di Costanzo. (Panchina: Loliva, Martorel, Panattoni, Maiorino, Vona, Mastromonaco, Camorani, Lamonica).

CATANZARO (3-5-2): Fulignati; Scognamillo, Brighenti, Martinelli; Vandeputte, Sounas (25’st. Bombagi), Ghion (15’st. Cinelli), Verna, Tentardini (15’ st. Situm); Biasci (15’st. Curcio), Iemmello (34’st. Cianci). All.: Vivarini (Panchina: Rizzuto, Sala, Pontisso, Mulè, Katseris, Menga, Welbeck).

ARBITRO: Enrico Maggio di Lodi (Ceolin di Treviso, Feraboli di Brescia. IV Carrione di Castellammare di Stabia)

RETI: 10’ Sounas (C), 17’ Biasci (C), 43’ Biasci (C)

AMMONITI: Manetta (T), Ferrara (T); Fulignati (C)

ESPULSI: Nessuno

ANGOLI: 8-6 per il Taranto

RECUPERO: 2′ pt., 5′ st.

NOTE: Spettatori 3598 di cui 362 ospiti.

Condividi su:

Di Gianfranco Maffucci

Ex sottufficiale Marina Militare- fondatore associazione culturale Delfino Blu (1996), promotore per 8 anni consecutivi Premio Città di Taranto, premio rivolto ad artisti, pittori scultori, artigiani, fotografi, provenienti da diversi paesi esteri, premi di poesie. Mostre d’arte varia. Cofondatore blog Blufree. Appassionato da ragazzo di fotografia. Aderisce da anni ad una associazione di Templari (solidarietà e beneficenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.