Condividi su:

“La bocciatura dell’emendamento al decreto Ucraina bis per chiedere l’abrogazione della proposta governativa di trasferire i fondi destinati alle bonifiche dell’area di TARANTO all’attività produttiva di Acciaierie d’Italia rappresenta l’ennesimo scippo a TARANTO e ai tarantini. La maggioranza avrebbe dovuto raggiungere un accordo, sopprimendo l’articolo e pretendendo un decreto ad hoc sul tema ex Ilva. La crisi industriale continua a danneggiare cittadini e lavoratori, e i nodi aperti, a cui il governo deve trovare una soluzione, sono ancora troppi”. Lo afferma la deputata pugliese di Forza Italia Vincenza Labriola. “Presenterò nuovamente l’emendamento soppressivo quando il decreto Ucraina-bis arriverà alla Camera”, conclude.

Condividi su:

Di Francesco Leggieri

Giornalista pubblicista, direttore di Box Tarentum. Redattore del settimanale cartaceo Puglia Press. Collaboratore, a vario titolo, di altre redazioni sportive di giornali, radio e televisioni nazionali. Esperto di attività Audiovisive, fotografiche e cinematografiche (diploma don Orione di Roma 1985). E' stato Caporedattore allo Sport per Puglia Press (quotidiano), redattore per il bimensile Voce del Popolo (con compiti anche di segretario di redazione) e caporedattore per il sito on line la Voce di Taranto e collaboratore di Extra Magazine. Presentatore televisivo e radiofonico per varie emittenti locali e di eventi anche a carattere nazionale. Scrittore di 2 libri. Esperienza nelle attività di pubbliche relazione in ambito militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.