Condividi su:

“Taranto, primo parco eolico del Mediterraneo e dell’Italia è realtà dopo 14 anni. L’impianto costituito da 10 pale produrrà energia pulita per soddisfare il fabbisogno annuo di 60 mila persone. Una bella notizia per una città martoriata dai problemi ambientali”. Lo afferma, in una nota, la deputata di Forza Italia, Vincenza LABRIOLA. “Si muovono così – continua – i primi passi per la transizione energetica, attraverso quel mix energetico necessario per vincere la sfida sui cambiamenti climatici e per allentare la nostra dipendenza da Paesi terzi. La guerra in Ucraina ha reso ancora più evidente la necessità per il nostro Paese di puntare sulle sue potenzialità, tra cui eolico e fotovoltaico, per dare risposte immediato alla crescente richiesta di energia. E le prime grandi risposte giungono da Taranto. Auspichiamo – conclude l’esponente azzurra – che da questa iniziativa si possa avviare un percorso virtuosi al fine di risolvere tutti quei problemi, oramai atavici, che da troppi anni caratterizzano la città di Taranto. Orgoglio e soddisfazione per un progetto unico in Italia che porta la mia città Taranto agli onori della cronaca come fiore all’occhiello di quella evoluzione indispensabile per il territorio, per il Sud e per l’Italia intera”. 

Condividi su:

Di Francesco Leggieri

Giornalista pubblicista, direttore di Box Tarentum. Redattore del settimanale cartaceo Puglia Press. Collaboratore, a vario titolo, di altre redazioni sportive di giornali, radio e televisioni nazionali. Esperto di attività Audiovisive, fotografiche e cinematografiche (diploma don Orione di Roma 1985). E' stato Caporedattore allo Sport per Puglia Press (quotidiano), redattore per il bimensile Voce del Popolo (con compiti anche di segretario di redazione) e caporedattore per il sito on line la Voce di Taranto e collaboratore di Extra Magazine. Presentatore televisivo e radiofonico per varie emittenti locali e di eventi anche a carattere nazionale. Scrittore di 2 libri. Esperienza nelle attività di pubbliche relazione in ambito militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.