Condividi su:

Ritorna il carnevale per le strade della città vecchia. A celebrarne “la morte” con tanto di fantocci in cartapesta i giovani alunni dell’istituto comprensivo “Galileo Galilei” di Taranto. I ragazzi, coadiuvati dagli insegnanti e dagli operatori del CREST, hanno seguito dei laboratori in cui hanno realizzato maschere e fantocci tipici della festa più pazza del mondo e hanno sfilato per i vicoli dell’isola cantando e divertendosi a suon di coriandoli!

La manifestazione rientra nel progetto triennale “Le Case Speciali dei Ragazzi e delle Ragazze”, selezionato dall’Impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, nasce con l’obiettivo di rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte degli e delle adolescenti.

Il progetto, gestito da un’ATS con capofila la Coop. Soc. Progetto Città, si fonda su una rete regionale di “Case Speciali” in cui, sinergicamente, sono realizzate attività socio-culturali, creative, ludico-educative ed artistiche, in ambito sia scolastico che extrascolastico, favorendo la promozione e il consolidamento di una comunità educante territoriale a favore dei ragazzi e delle ragazze delle sei province pugliesi.


“Una manifestazione come quella di carnevale per le strade di città vecchia da parte dei nostri ragazzi è un’esperienza importante per loro ma anche per il quartiere intero, invaso da una gioventù che chiede di poter vivere la propria età e una normalità ormai persa da tempo – afferma Luigi Faraldi, collaboratore della Ds, Antonietta Iossa, e responsabile del plesso-. Come scuola ci impegniamo quotidianamente in uno scambio e in un‘offerta formativa di esperienze per i nostri ragazzi che possano tenerli legati alle loro origini”.


Intanto la classe 1^ D del plesso “Giusti” è stata premiata per il contest “We are all Med – Schools vs Marine Litter 2021”, bandito dal CIHEAM Bari e promosso dall’Associazione Plasticaqquà APS Taranto. Il concorso era riservato alle classi delle scuole dell’area pilota Salentina, impegnate a diffondere i temi della sostenibilità ambientale e a coinvolgere le giovani generazioni in un processo di consapevolezza e autocritica.


“ La scuola – prosegue Faraldi – accanto alla finalità formativa squisitamente didattica ha, soprattutto, una finalità educativa tesa a promuovere valori pregnanti per favorire a la crescita di cittadini attivi e consapevoli, in cui la tematica del rispetto dell’ambiente assume un’importante fondamentale”.

Condividi su:

Di Gianfranco Maffucci

Ex sottufficiale Marina Militare- fondatore associazione culturale Delfino Blu (1996), promotore per 8 anni consecutivi Premio Città di Taranto, premio rivolto ad artisti, pittori scultori, artigiani, fotografi, provenienti da diversi paesi esteri, premi di poesie. Mostre d’arte varia. Cofondatore blog Blufree. Appassionato da ragazzo di fotografia. Aderisce da anni ad una associazione di Templari (solidarietà e beneficenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.