Condividi su:

Mister Laterza, in conferenza stampa, quest’oggi ha analizzato la sconfitta di Catanzaro.

I calabresi hanno sfruttato tre nostri errori, vero che siamo stati sfortunati, ha dichiarato il tecnico rossoblu.

Bastava sfruttare al meglio l’occasione di Saraniti alla fine del primo tempo. Certamente alla ripresa la partita sarebbe stata diversa. La sconfitta con avversari forti ci può stare, ma non dobbiamo demoralizzarci.

La squalifica di Riccardi complica un po’ tutto. A parte la il rendimento di Catanzaro, si è sempre messo a disposizione, si disimpegnava molto bene, ma con un giocatore come Vandeputte non è stato facile.

Benassai difficilmente sarà a disposizione, ha ancora una caviglia gonfia, dobbiamo stringere i denti, molti sono in infermeria, ed alcuni giocano con le infiltrazioni, gli uomini a disposizione sono contati.

L’Andria è una squadra viva, quando si cambia il tecnico l’entusiasmo sale, sarà una gara difficile, ma dobbiamo affrontarla serenamente.

Santarpia nelle ultime uscite è migliorato molto, sembra tornato quello della scorsa stagione.

Chiorra ora viene indicato come colpevole, dimenticando che nelle giornate precedenti è stato decisivo. A Catanzaro sul primo gol, dopo la sua respinta non è stato aiutato dai difensori e dai centrocampisti.

Pur capendo che sarebbe necessario un turn over per alcuni che hanno sempre giocato, devo contare sui disponibili. Marsili avrebbe bisogno di riposare ma per ora serve alla causa, come lui anche altri, vedrò di dare spazio a chi ha giocato poco.

Gianfranco Maffucci

Condividi su:

Di Gianfranco Maffucci

Ex sottufficiale Marina Militare- fondatore associazione culturale Delfino Blu (1996), promotore per 8 anni consecutivi Premio Città di Taranto, premio rivolto ad artisti, pittori scultori, artigiani, fotografi, provenienti da diversi paesi esteri, premi di poesie. Mostre d’arte varia. Cofondatore blog Blufree. Appassionato da ragazzo di fotografia. Aderisce da anni ad una associazione di Templari (solidarietà e beneficenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *