Condividi su:

Ex Ilva:LABRIOLA (Fi),dati su mortalita’ Taranto imbarazzanti (ANSA) – ROMA, 11 OTT – “I dati pubblicati dalla rivista Environmental Research sulla mortalita’ dei tre quartieri piu’ a ridosso alle zone industriali di Taranto sono imbarazzanti. Emerge in tutta evidenza come come a Tamburi, Paolo VI e Citta’ Vecchia-Borgo ci sia un eccesso di mortalita’, 1020 decessi nel solo periodo compreso tra il 2001 e 2020. Basta questo dato a sottolineare come le promesse della politica su Taranto si siano infrante con la realta’. Neanche il subentro dello Stato nello stabilimento Ex Ilva ha sortito l’effetto sperato, ovvero quello di mettere al sicuro la popolazione, motivo per cui siamo stati condannati dalla Corte dei diritti umani di Strasburgo. Ora abbiamo le risorse del Pnrr, abbiamo la possibilita’ di dare dignita’ ai tarantini e di rispettare i diritti costituzionali sulla salute, il Governo deve essere semplicemente tranchant, invertendo una tendenza vergognosa per la quale si preferisce nascondere i problemi sotto il tappeto piuttosto che affrontarli. Non si perda altro tempo prezioso e si risolva subito questa vergogna nazionale”. Cosi’, in una nota, la deputata di Forza Italia Vincenza Labriola. (ANSA). PDA 11-OTT-21 17:10 NNNN

Condividi su:

Di Francesco Leggieri

Giornalista pubblicista, direttore di Box Tarentum. Redattore del settimanale cartaceo Puglia Press. Collaboratore, a vario titolo, di altre redazioni sportive di giornali, radio e televisioni nazionali. Esperto di attività Audiovisive, fotografiche e cinematografiche (diploma don Orione di Roma 1985). E' stato Caporedattore allo Sport per Puglia Press (quotidiano), redattore per il bimensile Voce del Popolo (con compiti anche di segretario di redazione) e caporedattore per il sito on line la Voce di Taranto e collaboratore di Extra Magazine. Presentatore televisivo e radiofonico per varie emittenti locali e di eventi anche a carattere nazionale. Scrittore di 2 libri. Esperienza nelle attività di pubbliche relazione in ambito militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *