Condividi su:

Tantissimi cittadini ci segnalano vie pubbliche devastate da rattoppi, avvallamenti, manomissioni del piano stradale, tagli del suolo lunghi decine di metri e ripristini non eseguiti a regola d’arte. Per questo chiediamo un immediato censimento di tutte le vie dove i manti stradali presentano dislivelli e deformazioni pericolose per la pubblica incolumità al fine di avviare le necessarie azioni di diffida verso i soggetti pubblici e privati responsabili.

Il Comune di Taranto è dotato infatti di un “Regolamento per l’esecuzione di opere comportanti la manomissione di suolo pubblico” il quale prevede che l’amministrazione comunale coordini gli interventi ed eserciti, in accordo con la Polizia Locale, la vigilanza sui lavori e la verifica finale sul ripristino dello stato dei luoghi.

In particolare ogni intervento può essere sottoposto alla sorveglianza di un tecnico del comune e, terminati i lavori nel caso in cui il sopralluogo accerti avvallamenti o deformazioni del piano viabile dovrebbe essere prescritto all’esecutore dei lavori la regolarizzazione degli stessi. Questo quanto previsto sulla carta ma la realtà è che tantissimi lavori terminati ormai da mesi deturpano l’immagine della città ormai compromessa da questi scempi che rappresentano anche un pericolo per chi va in bici, in moto, in auto o per chi passeggia.

Ovviamente senza dimenticare che anche dove sono stati fatti asfalti nuovi, molti di questi realizzati con i soldi delle compensazioni dell’Eni ottenute dal sindaco che ha preceduto Melucci, il giorno seguente sono stati fatti scavi che hanno rotto gli asfalti appena rifatti perché non c’è coordinamento delle varie attività.

Ecco perché ricevendo tantissime segnalazioni ho portato la questione delle strade distrutte in consiglio comunale per sapere se vengono fatti i sopralluoghi di verifica della regolarità dei lavori e per chiedere un puntuale censimento di tutte le vie dove i manti stradali sono stati deformati al fine di ripristinare immediatamente lo stato dei luoghi tutelando così il decoro e la sicurezza pubblica.

Giampaolo Vietri – Capogruppo Fratelli d’Italia al Comune di Taranto

Condividi su:

Di Gianfranco Maffucci

Ex sottufficiale Marina Militare- fondatore associazione culturale Delfino Blu (1996), promotore per 8 anni consecutivi Premio Città di Taranto, premio rivolto ad artisti, pittori scultori, artigiani, fotografi, provenienti da diversi paesi esteri, premi di poesie. Mostre d’arte varia. Cofondatore blog Blufree. Appassionato da ragazzo di fotografia. Aderisce da anni ad una associazione di Templari (solidarietà e beneficenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *