Condividi su:

riceviamo e pubblichiamo

Premettiamo che non ci entusiasma la polemica fine a se stessa ma, al contrario, ci piace intendere la politica  come servizio e, su tutto, riteniamo  che ognuno abbia il diritto di decidere  con quale gruppo politico schierarsi, nonché di cambiare lo stesso se e quando non se ne condividano più progetti e obiettivi.

Corre l’obbligo, però, di fare chiarezza riguardo ad alcune dichiarazioni relative alla nostra sfera politico-amministrativa.

Da più parti e più volte ci è stato chiesto, come mai,  un consigliere di opposizione appartenesse al nostro stesso partito con le inevitabili e difficili conseguenze sotto il profilo della condivisione della medesima linea politico-amministrativa.

Noi non abbiamo mai messo né metteremo veti politici e in quest’ottica abbiamo accolto, pur non condividendola, la presenza del consigliere Di Lena all’interno del partito della Lega.

Quando, sin da subito, i nostri timori sull’operato politico populista del consigliere geneticamente indipendente sono diventati evidenti anche ai vertici di partito, il consigliere Di Lena non è stato più invitato alle riunioni provinciali e tantomeno locali; riunioni che, anche in questo periodo di pandemia, si sono tenute frequentemente utilizzando la modalità della videoconferenza con la partecipazione dei vertici regionali del partito. In tali incontri Sindaci, Consiglieri e Assessori hanno cercato nel rispetto delle norme e con le ahimè note limitazioni economiche di risolvere i problemi della gente con grande dedizione, umiltà e serietà, senza mai appellarsi al populismo che è solo un modo per circuire le persone. 

La verità è che probabilmente per il consigliere Di Lena l’entrata nella Lega doveva essere automaticamente una promozione in maggioranza dimenticando, forse, che per noi l’unico vero patto che conta è quello con i nostri elettori e con i nostri cittadini, pertanto, chi non è entrato nel nostro progetto amministrativo dalla porta mai e poi mai sarebbe entrato dalla finestra.

La politica è una cosa seria, ma per noi il progetto di “Insieme” è sacro e mai sarebbe stato stravolto dalla ricerca di qualche voto in più. Ai nostri concittadini abbiamo promesso chiarezza e trasparenza e nell’ottica di tale promessa mai avremmo potuto accettare una simile situazione.

Auguriamo al consigliere Di Lena di trovare la sua definitiva collocazione politica e di saper rappresentare ovunque le esigenze e le proposte dei suoi elettori. Noi, al momento, non possiamo che esprimere profonda soddisfazione per avere, ancora una volta, dimostrato con il tempo e con i fatti la veridicità delle nostre affermazioni che, da sempre, ci hanno visti politicamente distanti dal consigliere, nuovamente, indipendente.

Coordinamento Cittadino Lega

Pulsano

Condividi su:

Di Gianfranco Maffucci

Ex sottufficiale Marina Militare- fondatore associazione culturale Delfino Blu (1996), promotore per 8 anni consecutivi Premio Città di Taranto, premio rivolto ad artisti, pittori scultori, artigiani, fotografi, provenienti da diversi paesi esteri, premi di poesie. Mostre d’arte varia. Cofondatore blog Blufree. Appassionato da ragazzo di fotografia. Aderisce da anni ad una associazione di Templari (solidarietà e beneficenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *