Condividi su:

Riceviamo e pubblichiamo

Taranto – Bella iniziativa di Mons. Luigi Romanazzi che ieri pomeriggio, con stola e aspersorio, ha percorso le vie della parrocchia Santa Rita benedicendo, dalla strada,  i parrocchiani affacciati ai balconi.

Una cerimonia semplice ma toccante di questi tempi: il segno della croce, l’aspersione dell’acqua santa, una preghiera per tutti gli abitanti, in particolare per anziani, ammalati e bambini. E tanti saluti affettuosi urlati dai balconi ai quali veniva risposto dalla via.

Nonostante la zona tra le più moderne della città (al termine di via Ancona) la grande familiarità tra il parroco e i parrocchiani ha fatto sì che il sacro rito della benedizione si trasformasse anche in un gioioso ritrovarsi, con don Gino che salutava quasi tutti per nome.

Alcuni collaboratori della parrocchia citofonavano in anteprima; altri affiggevano sui portoni un volantino relativo alla benedizione. Sui balconi tanta gente che pregava insieme al proprio parroco, qualche cero acceso e in mano qualche palma benedetta fatta pervenire la domenica delle Palme a tutte le famiglie.

Tanti gesti, dolcissimi anche se diversi dal solito, per dirsi che neanche la pandemia può separare i credenti dalla Chiesa.

Due vigili – inviati dal Comando,  hanno vigilato affinché non avvenissero incidenti.

(Nelle foto, alcuni momenti della benedizione dei condomini)

Antonio Biella

Condividi su:

Di Gianfranco Maffucci

Ex sottufficiale Marina Militare- fondatore associazione culturale Delfino Blu (1996), promotore per 8 anni consecutivi Premio Città di Taranto, premio rivolto ad artisti, pittori scultori, artigiani, fotografi, provenienti da diversi paesi esteri, premi di poesie. Mostre d’arte varia. Cofondatore blog Blufree. Appassionato da ragazzo di fotografia. Aderisce da anni ad una associazione di Templari (solidarietà e beneficenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *