Condividi su:

Riceviamo e pubblichiamo

Conciliare la salute pubblica con una graduale ripresa delle attività produttive. È ciò su cui insiste Casartigiani Taranto che sollecita la convocazione da parte del Prefetto, di un tavolo provinciale per iniziare a programmare, insieme ai sindaci del territorio ionico, l’avvio della cosiddetta “fase 2”.

«La ripresa, a partire da maggio, dovrà essere lenta e comporterà il rispetto di una serie di misure anti-contagio: dall’uso delle mascherine al distanziamento sociale. Ma tenuto conto delle già drammatiche ricadute economiche, – commenta il segretario generale di Casartigiani Taranto Stefano Castronuovo – riteniamo indispensabile organizzare per tempo la ripartenza. È nostro dovere supportare con ogni mezzo i piccoli imprenditori colpiti dall’emergenza Covid-19 e lavorare in maniera sinergica per evitare ulteriori ripercussioni negative».

Se n’è parlato anche nel corso dell’incontro in videoconferenza, con il partenariato economico-sociale della Regione Puglia, al quale Castronuovo ha partecipato in qualità di coordinatore regionale di Casartigiani Puglia.

Una riunione che è servita anche a fare il punto sulla manovra da 450 milioni di euro varata dalla Giunta regionale per fronteggiare le ricadute negative sul sistema economico causate dal diffondersi dell’epidemia da Covid-19.

«Esprimiamo apprezzamento per l’impegno del Governatore Emiliano e dei suoi assessori a sostegno del tessuto produttivo pugliese fortemente indebolito a causa del diffondersi dell’epidemia. – rileva Castronuovo – Il governo regionale è al lavoro per attivare quanto prima nuovi strumenti che daranno respiro alle nostre aziende: dal “Titolo II – Straordinario” rimodulato per l’emergenza, per sostenere gli investimenti delle aziende, al “Nuovo Microprestito” rivolto alle microimprese e ai lavoratori autonomi. Come Casartigiani abbiamo chiesto che l’accesso a quest’ultima misura sia consentita anche a tutte le aziende non bancabili, al fine di garantire loro nuova liquidità, utile alla ripartenza».

Si attende ora di conoscere i bandi e gli avvisi che, come evidenziato dall’assessore Borraccino, saranno improntati alla massima chiarezza, trasparenza e semplificazione in modo da rendere gli interventi concreti e tangibili nel più breve tempo possibile.

«La prossima riunione sarà determinante per definire le misure di intervento e proporre suggerimenti che vadano nella direzione di una maggiore salvaguardia dei piccoli imprenditori. L’auspicio è che si proceda velocemente. – conclude Castronuovo – Le nostre imprese non possono più aspettare».

Condividi su:

Di Gianfranco Maffucci

Ex sottufficiale Marina Militare- fondatore associazione culturale Delfino Blu (1996), promotore per 8 anni consecutivi Premio Città di Taranto, premio rivolto ad artisti, pittori scultori, artigiani, fotografi, provenienti da diversi paesi esteri, premi di poesie. Mostre d’arte varia. Cofondatore blog Blufree. Appassionato da ragazzo di fotografia. Aderisce da anni ad una associazione di Templari (solidarietà e beneficenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *