LA REGINA SOLA

Nel primo appuntamento con questa nuova sezione, affrontiamo il tema della “REGINA SOLA“.   

Mary Stuart, da noi denominata “Sola”, non era altro che una regina per diritto Divino. Nata nel periodo peggiore in cui potesse nascere una donna, era di una bellezza mozzafiato. Mary viene ricordata soprattutto per il suo animo passionale  che, col tempo, le ha provocato non pochi pericoli per se stessa e per il suo regno. Forse non tutti sanno, però, che durante tutti i suoi anni al comando della Scozia (1542-1567), fu temuta in quanto divenuta regina senza aver sposato nessuno prima. Lo diventò a pochi giorni di vita dato che il padre morì senza lasciare eredi maschi.

Ed è sempre grazie a lei se, nel 1603, si mise fine alle tante guerre che dividevano Inghilterra e Scozia. Infatti, il suo erede, Giacomo VI di Scozia, fu il primo Re ad unire entrambi gli stati. La curiosità che si riporta in questo articolo, è quella del furto d’identità. Ed ora, a giusta ragione, voi vi chiederete cosa c’entra, esattamente, questo tema piuttosto moderno, con qualcosa accaduto ben 5 secoli fa.

 Mary, erede legittima del trono d’Inghilterra, fu imprigionata da sua cugina Elisabetta I Tudor che tutti la ricordiamo come la figlia illegittima di Enrico VIII, solo perché estremamente pericolosa per il suo regno.  Molti sostenevano la cugina Scozzese, invece della regina stessa.  Da qui, partiamo col spiegare il perché di questo furto d’identità. Nei 20 anni di prigionia, Mary fu coinvolta in alcuni attentati a discapito di Elisabetta,  tanto da incastrare la ormai ex regina di Scozia, rubandole calligrafia e firma, solo per poterla portare al patibolo, dove morirà sola, senza la presenza di suo figlio l’8 Febbraio 1587.                                                                                     

Emanuela Marinò

Emanuela Marinò

Nata a Manduria in provincia di Taranto, e diplomata con voto 100, studia presso l'Università Beni Culturali e Archeologici di Lecce. Provetta scrittrice di romanzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *